Configura la tua Toyota Richiedi un preventivo Visualizza brochure e listini Simula il tuo finanziamento Trova un concessionario

Campionato Mondiale Rally (WRC) FIA

Toyota torna nel mondo del rally.

Oggi Toyota ha annunciato ufficialmente il suo ritorno nel Campionato Mondiale Rally (WRC) FIA. Nei prossimi due anni, Toyota Motorsport GmbH (TMG) proseguirà i test sulla Yaris WRC per prepararsi a un rientro in grande stile nel campionato del 2017, quando è prevista l'introduzione di un nuovo regolamento tecnico.

L'auto è la star

La nuova Yaris WRC è alimentata da un motore turbo a iniezione diretta da 1,6 litri, che sviluppa più di 300 CV, mentre il telaio è stato sagomato sulla base di tecniche avanzate di simulazione, collaudo e produzione.

Sviluppata e costruita esclusivamente da TMG nel centro tecnico di Colonia, in Germania, l'auto ha già completato un programma di test preliminari su asfalto e ghiaia in Europa, con risultati promettenti.

Nei prossimi due anni, mentre il team si prepara a partecipare al WRC, l'auto verrà sottoposta a un programma di test completo su diversi tracciati WRC in tutta Europa e su diversi terreni, e le fasi di sviluppo di progettazione e operatività saranno intensificate grazie a una squadra di specialisti dedicati.

/
Uno sguardo al futuro

Oltre a concentrarsi sulla messa a punto e sull'evoluzione della Yaris WRC, TMG spera anche di creare nuove stelle del volante con il programma Junior Development.

Il primo beneficiario dell'iniziativa è il ventisettenne francese Eric Camilli, che ha già collaudato la Yaris WRC. Il pilota parteciperà al programma di preparazione accanto a un esperto come il connazionale Stéphane Sarrazin, pilota della squadra Toyota nel Campionato Mondiale Endurance FIA, e il veterano finlandese Sebastian Lindholm.

/
/
Un passato straordinario


La Yaris WRC farà il suo debutto in pista nel 2017, quasi vent'anni dopo l'ultimo rally disputato da Toyota nel Campionato Mondiale, nel 1999.


Telaio

Tipo Scocca in acciaio
Freni 300mm dischi su sterrato, 355mm su asfalto
Cerchi 7 x 15” sterrato, 8 x 18” asfalto
Pneumatici Michelin
Dimensioni Lunghezza: 3910 mm
Larghezza: 1820 mm


Motorizzazione

Cilindrata 1.6 litri
Tipo 4 cilindri in linea
Iniezione diretta Fino a 200bar
Alimentazione Benzina
Pressione Turbo 2.5bar absolute (massimo)
Condotta dell'aria 33mm
Potenza Circa 300hp (@ 6,000 rpm)
Coppia 420Nm
Giri motore (max) 8,500rpm
Trasmissione 6 rapporti sequenziale
Frizione ZF Sachs

Quella stagione segnò la fine di oltre 25 anni di attività ininterrotta nel mondo del rally per TMG, nata come Andersson Motorsport GmbH – dal suo fondatore Ove Andersson – e presente nel mondo WRC come Toyota Team Europe (TTE).

/

In quel periodo, TTE gareggiò con vere e proprie icone come la Celica Twincam Turbo – e le varianti GT-Four – e la Corolla WRC, guidate da piloti leggendari come Carlos Sainz, Juha Kankkunen e Didier Auriol.

A partire dal 1972, Toyota ha ottenuto 149 podi, 43 vittorie, quattro titoli mondiali piloti e tre titoli costruttori: un passato davvero straordinario nel mondo del rally.


Storia Toyota nel WRC

1973 Campionato Costruttori: 10° posizione (1 vittoria)
Prima vittoria di Toyota, Walter Boyce/Doug Woods guida una Corolla TE20 nel Press On Regardless Rally (USA)
1974 Campionato Costruttori: 4° posizione
Il futuro campione del mondo Björn Waldegaard fa il suo debutto in Toyota
1975 Campionato Costruttori: 7° posizione (1 vittoria)
Prima vittoria per TTE con Hannu Mikkola/Atso Aho alla guida di Corolla Levin nel Rally dei 1000 Laghi (Finlandia)
1976 Campionato Costruttori: 6° posizione
1977 Campionato Costruttori: 3° posizione
1978 Campionato Costruttori: 6° posizione
1979 Campionato Costruttori: 5° posizione
1980 Campionato Costruttori: 7° posizione
1981 Campionato Costruttori: 8° posizione
1982 Campionato Costruttori: 5° posizione(1 vittoria)
Il fondatore di TMG, Ove Andersson, partecipa nel WRC per l’ultima volta alla guida di una Celica 2000GT
1983 Campionato Costruttori: 6° posizione (1 vittoria)
1984 Campionato Costruttori: 4° (1 vittoria)
Prima vittoria nel Safari Rally (Kenya) con Björn Waldegaard/Hans Thorzelius alla guida di una  Celica Twincam Turbo (TA64)
1985 Campionato Costruttori: 5° posizione (2 vittorie)
1986 Campionato Costruttori: 6° posizione (2 vittorie)
Terza vittoria consecutiva nel Safari Rally, con Björn Waldegaard/Fred Gallagher alla guida di una Celica Twincam Turbo (TA64)
1987 Campionato Costruttori: 7° posizione
1988 Campionato Costruttori: 5° posizione
Debutto della Celica GT Four, che vincerà 29 WRC rallies e 6 Campionati del Mondo (2 volte il Titolo Costruttori e 4 il Titolo Piloti) negli allestimenti ST165, ST185 e ST205
1989 Campionato Costruttori: 2° posizione (1 vittoria)
Carlos Sainz fa il suo debutto in Toyota, gareggiando in 7 rallies e guadagnando 3 volte il podio
1990 Campionato Costruttori: 2° posizione (5 vittorie)
Carlos Sainz diventa il primo pilota Campione del Mondo Toyota, alla guida di una Celica GT-Four (ST165)
1991 Campionato Costruttori : 2° posizione (6 vittorie)
Prima vittoria di Toyota nel leggendario Rally di Monte Carlo
1992 Campionato Costruttori: 2° posizione (5 vittorie)
1993 Campionato Costruttori: 1° posizione (7 vittorie)
Toyota diventa il primo costruttore giapponese a vincere il WRC
1994 Campionato Costruttori: 1° posizione (5 vittorie)
Toyota ottiene la seconda “hat-trick”1 al Safary Rally, con Ian Duncan alla guida di una Celica Turbo WRC
1995 Campionato Costruttori: 3° posizione (1 vittoria)
1998 Campionato Costruttori: 2° posizione (3 vittorie)
Dopo due stagioni di assenza, al suo ritorno nella competizione Toyota vince il Rally di Monte Carlo, grazie a Carlos Sainz/Luis Moya alla guida di una Corolla WRC
1999 Campionato Costruttori: 1° posizione (1 vittoria)
Terzo Titolo Costruttori per Toyota; solo due squadre hanno vinto di più nella storia del WRC

La nostra e-privacy policy

Questo sito utilizza cookies di profilazione (propri e di soggetti terzi) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le Sue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.
Continuando a navigare o accedendo ad un qualunque elemento del sito, Lei accetterà l’uso e la ricezione dei cookies nel rispetto di quanto stabilito nell’ Informativa estesa.
La modifica delle impostazioni dei cookies e la possibilità di negare il consenso al loro utilizzo potranno essere effettuate utilizzando il link di cui sopra o accedendo alla sezione "E-Privacy" in fondo alla pagina.