Configura la tua Toyota Richiedi un preventivo Visualizza brochure e listini Simula il tuo finanziamento Trova un concessionario

La storia di RAV4.

L’auto che ha cambiato le regole.

Per la maggior parte delle innovazioni, capita di chiedersi perché nessuno avesse avuto un'idea simile fino a quel momento, in grado di semplificare la vita. Con il senno di poi, tutto sembra particolarmente ovvio.

Nel 1989, al Motor Show di Tokyo, Toyota presentò al mondo intero una nuova concept car. Quel giorno, nacque il Recreational Active Vehicle 4-wheel drive.

Oggi, quest'auto è conosciuta e apprezzata dal pubblico come Toyota RAV4.

/
Il primo SUV compatto

Prima del lancio di RAV4, le persone erano soddisfatte delle possibilità di scelta che avevano a disposizione per la loro futura auto. Poteva trattarsi di una berlina compatta, di una 5 porte oppure, nel caso in cui fossero alla ricerca di un veicolo adatto a ogni stagione, era disponibile un ampio numero di 4x4. Nel maggio del 1994, non appena RAV4 fu lanciato, il pubblico aveva finalmente la possibilità di scegliere qualcosa di diverso.

Toyota aveva creato un segmento fino ad allora sconosciuto: quello dei SUV crossover compatti.

/

Un’auto pratica in grado di accogliere quattro passeggeri, con la maneggevolezza di una macchina da strada. Tuttavia, nel caso in cui il terreno o le condizioni meteo fossero state avverse, RAV4 era in grado di offrire tutti i vantaggi di un 4x4.

Fu un successo immediato. Il pubblico si innamorò dell'estetica e della praticità di RAV4. Grazie a uno stile individuale caratterizzato da robuste modanature, da un potente motore da 2.0 litri e 16 valvole, in grado di fornire un'accelerazione molto potente, Toyota dovette raddoppiare le previsioni di produzione per soddisfare tutte le richieste.

Ampliamento della gamma.

Disponibile inizialmente nella versione a due porte, la gamma venne ampliata due anni più tardi (nel 1996) per includere una versione a quattro porte con lo stesso motore da 2.0 litri e il cambio manuale a cinque marce o automatico a quattro rapporti.

Nel 1998 venne introdotta la prima e unica versione soft-top di RAV4 in grado di attirare l’attenzione degli amanti delle versioni cabriolet che ha dimostrato di essere un'aggiunta stravagante ma di breve durata della gamma, in quanto non venne riproposta quando fece la sua comparsa la tanto attesa seconda generazione di RAV4.

/
Nuovo secolo, nuovi modelli.

La seconda generazione di RAV4 venne rilasciata nel 2000 all'interno di un segmento di mercato molto più affollato. Altri produttori avevano notato il successo mondiale di RAV4 e ne avevano copiato il formato. Il nuovo modello raccolse la sfida incorporando elementi che per il 70%, erano unici di RAV4 e sistemati sotto una scocca più spaziosa e rigida, e contribuì a migliorare ulteriormente i livelli di qualità di guida e di rumore.

/

Per continuare ad avere successo in quello che si era trasformato in un segmento di mercato piuttosto competitivo, RAV4 venne aggiornato ulteriormente nel 2006 con l'introduzione di una terza generazione ancora più evoluta. Come per la precedente generazione, la scocca irrigidita ridusse ulteriormente il rumore e le vibrazioni, ma il cambiamento più notevole fu l'adozione di un sistema di trazione integrale part-time. Questo sistema combinava, per la prima volta all'interno di questo segmento, i sistemi di trazione e di stabilità, allontanandosi dalla trazione integrale full-time per contribuire a migliorare consumi ed emissioni.

/
Alimentazione elettrica

In seguito alla presentazione di una "prima generazione" di RAV4 interamente elettrica, tenuta nel 1997 in California, nel 2010 una collaborazione tra Tesla Motors e Toyota Technical Centre in Michigan contribuì ad aggiornare l'offerta EV di RAV4 (ancora solo per gli Stati Uniti). Nel rispetto del programma zero emissioni della California e venduto prevalentemente a società di leasing, la nuova joint venture produsse un RAV4 dotato di una moderna batteria agli ioni di litio, di un motore elettrico da 156 CV e di un'autonomia di 182 km. Si trattava di una vera e propria conquista tecnica dell'epoca.

/
Lo spirito dell'originale

Con il lancio dell'ultimo modello di quarta generazione nella primavera del 2013, RAV4 esprime in modo elegante la propria maturità nei confronti dei tempi. Il nuovo design esterno non lascia dubbi che si tratti ancora di un RAV4, diventato tuttavia più elegante e raffinato, pur incarnando lo spirito in grado di "arrivare ovunque" dell'originale.

/

Lo stesso DNA “giocoso” dell'innovativo primo modello è ancora evidente nel modo in cui si lascia guidare. Che si tratti di spostamenti urbani o di un percorso off-road, il nuovo RAV4 ha a cuore il piacere di guida.

Incorporando nuovi interni di alta qualità con sistemi avanzati di assistenza alla guida, come il sistema IDDS (Integrated Dynamic Drive System), che adatta lo sterzo e le sospensioni alle strade che si stanno percorrendo, i sontuosi interni e la qualità di guida di RAV4 vi faranno sentire come se foste accomodati all'interno di un veicolo di una fascia di prezzo più elevata.

/
/

Più di 20 anni fa, RAV4 ha cambiato il modo in cui le persone percepiscono un'auto di tutti i giorni. Fin da subito, ha donato agli automobilisti una libertà e una flessibilità che fino ad allora si potevano trovare solo in auto molto più grandi, più pesanti e più costose. Non si trattava più di scegliere tra una comoda berlina, una 5 porte flessibile o un 4x4 affidabile: era semplicemente RAV4.

Il SUV originale, in grado di arrivare ovunque.

La nostra e-privacy policy

Questo sito utilizza cookies di profilazione (propri e di soggetti terzi) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le Sue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.
Continuando a navigare o accedendo ad un qualunque elemento del sito, Lei accetterà l’uso e la ricezione dei cookies nel rispetto di quanto stabilito nell’ Informativa estesa.
La modifica delle impostazioni dei cookies e la possibilità di negare il consenso al loro utilizzo potranno essere effettuate utilizzando il link di cui sopra o accedendo alla sezione "E-Privacy" in fondo alla pagina.