Nuova partnership IUCN-Toyota per la ricerca sulla biodiversità globale

Un sostegno importante alla ricerca sulla biodiversità e sui fattori che la minacciano e mettono in pericolo le risorse alimentari.

Un progetto chiave per il Toyota Environmental Challenge 2050 e un nuovo passo verso il raggiungimento dell’obiettivo dell’IUCN: raddoppiare il numero di specie studiato entro il 2020 e offrire un panorama completo sullo stato della biodiversità globale.

L’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN) e Toyota Motor Corporation, hanno annunciato l’inizio di una partnership quinquennale tesa alla raccolta di fondi per ampliare la Lista Rossa IUCNTM delle specie a rischio estinzione.

Tale collaborazione permetterà di aumentare la conoscenza dei rischi effettivi di estinzione di oltre 28.000 specie, incluse alcune di importanza fondamentale in quanto risorse alimentari per gran parte della popolazione umana.

Il nostro pianeta sta registrando il tasso di estinzione più rapido della storia, L’IUCN e Toyota credono quindi che oggi, più che mai, sia necessario comprendere la situazione delle specie da cui dipende la sopravvivenza del genere umano.

Tale lavoro permetterà di delineare una mappa completa utile all’implementazione di azioni concrete in grado di influire positivamente sulle vite di centinaia di milioni di persone. Il sostegno Toyota alla Lista Rossa IUCN rappresenta il primo progetto di tutela floro/faunistica in linea con il Toyota Environmental Challenge 2050, la mission Toyota di ridurre l’impatto ambientale delle sue automobili di oltre il 90% entro il 2050, rispetto al 2010.

Solo quest’anno il brand ha stanziato fondi per il progetto pari a circa 1,2 milioni di dollari americani.


Inger Andersen, Direttore Generale IUCN: “Il Toyota Environmental Challenge 2050 non è rivolto soltanto al cambiamento climatico, ma anche alla conservazione della biodiversità. Si tratta di due facce della stessa medaglia e, come tali, indivisibili.

Il generoso finanziamento da parte di Toyota, consentirà ai nostri ricercatori di fare un grande passo avanti per riuscire a catalogare un totale di 160.000 specie a rischio entro il 2020; ci aiuterà inoltre a sostenere il raggiungimento degli obiettivi in tema di Sviluppo della Sostenibilità, definiti lo scorso anno da tutti i membri delle Nazioni Unite, in particolare l’obiettivo Zero Hunger.”


Didier Leroy, Vice Presidente Esecutivo della Toyota Motor Corporation: “Quando si affronta il tema delle minacce ambientali, è fondamentale intervenire in maniera rapida e decisa. L’abbiamo fatto nel 1997 con la Prius e più recentemente con il sistema a idrogeno della nuova Mirai. Ma per proteggere l’ambiente non dobbiamo limitarci alle emissioni di CO2 ed altri agenti atmosferici, perché la biodiversità è altrettanto importante per le nostre vite. Questa partnership con l’IUCN ci avvicina ulteriormente al nostro obiettivo di realizzare una società capace di coesistere in armonia con la natura.”

Il ‘barometro della vita’ dell’IUCN


La Lista Rossa dell’IUCN stabilisce il rischio di estinzione delle specie basato sulle minacce passate, presenti e future. Ad oggi sono 79.837 le specie presenti nella lista, di cui oltre 23.000 dichiarate a rischio di estinzione. La collaborazione con Toyota consentirà la valutazione, nei prossimi 5 anni, di un numero non inferiore alle 28.000 nuove specie.

Jane Smart, Direttrice del Gruppo di Conservazione della Biodiversità dell’IUCN: “Raddoppiando lo spettro della nostra Lista Rossa sarà possibile avere a disposizione un ‘barometro della vita’ più completo. I fondi stanziati da Toyota ci consentiranno di definire meglio le nostre politiche di conservazione, verificare i progressi a tutela della biodiversità, fornire più dati alla ricerca scientifica e migliorare la consapevolezza di tutti sul rischio di estinzione delle specie.”

IUCN-Toyota
Toyota Environmental Challenge 2050


Per Toyota una società in cui individui e natura possano coesistere in equilibrio ed armonia è possibile, per questo ha definito numerose iniziative volte alla protezione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo; iniziative racchiuse nel manifesto del Toyota Environmental Challenge 2050, annunciato nell’ottobre del 2015 e volto a minimizzare l’impatto ambientale delle automobili.


L’importanza della sicurezza alimentare


Gli esperti dell’IUCN hanno scelto di destinare gran parte dei fondi alla ricerca sulle popolazioni di piante e di pesci che rappresentano le principali fonti di sostentamento alimentare per miliardi di individui nel mondo. Tra queste figurano alcune specie di riso e grano selvatico di fondamentale importanza per la sicurezza alimentare in quanto utili per incrementare la resa e la resistenza delle coltivazioni di base.

Sara inoltre studiato a fondo lo stato di pesci marini quali sarde, sardine, sogliole e platesse, fondamentali non soltanto dal punto di vista alimentare, ma anche da quello occupazionale, considerando che la pesca e la lavorazione di queste specie offre lavoro a circa 200 milioni di individui in tutto il mondo.

Il nuovo finanziamento servirà anche a definire la situazione di altre specie di piante, funghi, pesci di acqua dolce, rettili e invertebrati (come le libellule), oltre che per l’aggiornamento della piattaforma Web utilizzata da oltre 3,5 milioni di persone ogni anno per accedere ai dati della Lista Rossa dell’IUCN. Infine, il finanziamento aiuterà l’IUCN a portare a termine diversi progetti atti ad incrementare la consapevolezza sulle biodiversità.

La nostra e-privacy policy

Questo sito utilizza cookies di profilazione (propri e di soggetti terzi) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le Sue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.
Continuando a navigare o accedendo ad un qualunque elemento del sito, Lei accetterà l’uso e la ricezione dei cookies nel rispetto di quanto stabilito nell’ Informativa estesa.
La modifica delle impostazioni dei cookies e la possibilità di negare il consenso al loro utilizzo potranno essere effettuate utilizzando il link di cui sopra o accedendo alla sezione "E-Privacy" in fondo alla pagina.