Toyota insieme a Giochi Senza Barriere

L'evento si è svolto giovedì 14 giugno allo Stadio dei Marmi, Roma.

Un grande evento benefico, giunto all'VIII edizione, ideato e organizzato dall’associazione Art4sport Onlus in collaborazione con CIP e CONI: 8 squadre si sono scontrate in 4 sfide spettacolari all’insegna dell’integrazione e dello sport paralimpico. In gara personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport. Presente all’evento Lily Rice, l’atleta paralimpica che si è esibita in una performance di WCMX.

toyota-giochi-senza-barriere-arts4sport-visual

Toyota ha sostenuto per la prima volta Giochi senza Barriere, l’evento benefico organizzato con lo scopo di integrare e promuovere lo sport paralimpico, nato grazie all’associazione art4sport ONLUS, formatasi a seguito della vicenda di Beatrice “Bebe” Vio, campionessa di scherma paralimpica e membro del Toyota Team.

L’appuntamento per questo grande evento, che ha avuto come tema portante i Supereroi, (come vengono immaginati i ragazzi di art4sport e più in generale gli atleti paralimpici) è stato per giovedì 14 giugno alle ore 20:30 quando, allo Stadio dei Marmi di Roma, otto squadre formate da personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport, si sono scontrate in quattro sfide spettacolari.

“La nostra storia è fatta di coraggio, di scelte e azioni importanti che ci hanno consentito di realizzare quello che all’inizio sembrava impossibile – ha dichiarato Mauro Caruccio, Amministratore Delegato Toyota Motor Italia - Quello di Toyota è un percorso di miglioramento continuo, la nostra sfida quotidiana che rinnoviamo per garantire a tutti la migliore mobilità possibile.

La missione di Toyota è quella di affermarsi come un Mobility brand che offre soluzioni integrate di movimento per tutti, compreso chi è affetto da forme di disabilità. La partnership con Giochi senza barriere, ci permette adesso di rinnovare questa sfida, di credere nell’innovazione da trasferire al servizio di tutti e nei valori dello sport, come questi ragazzi che lo vivono con determinazione e coraggio, superando ogni giorno i propri limiti”.


Le 8 squadre si sono composte di 20 giocatori ciascuna: adulti e bambini, disabili e normodotati insieme, e hanno rappresentato 8 città d’Italia, in rappresentanza a loro volta di altrettante Regioni:

- Torino (Piemonte)
- Milano (Lombardia)
- Treviso (Veneto)
- Livorno (Toscana)
- Fano (Marche)
- Assisi (Umbria)
- Roma (Lazio)
- Oristano (Sardegna)

Ogni squadra, si è scontrata in divertenti sfide ispirate al tema dei supereroi. Ad aprire i giochi è stata la performance di WCMX della giovane atleta gallese Lily Rice che, con la sua wheelchair, ha stupito il pubblico in un’esibizione unica e spettacolare. Lily Rice è stata infatti la prima atleta paralimpica in Europa ad effettuare un salto mortale all’indietro su pedana. La sua dimostrazione ha rappresentato la prima performance a Roma, in vista anche dell’inaugurazione di un grande Wheel Park nella capitale che coinvolgerà in prima linea Toyota nei prossimi mesi.

Toyota è oggi un Mobility brand, impegnato nell’assicurare libertà di movimento per tutti, con lo scopo di garantire migliori condizioni di vita a chiunque, compreso chi è affetto da forme di disabilità più o meno importanti. Attraverso i valori dello sport e, tramite l’iniziativa corporate globale “Start Your Impossible”, promuove una società libera da discriminazioni, in cui ognuno possa affrontare le proprie sfide con coraggio e determinazione.

In qualità di primo “Mobility Partner” dei Giochi Olimpici e Paralimpici, Toyota intende offrire servizi di mobilità di nuova generazione, soluzioni di trasporto e tecnologie avanzate al servizio delle persone, anche all’interno delle mura domestiche.

In linea con lo spirito di Start Your Impossible, lo scorso dicembre è stato scelto in Italia, un Ambassador Team: il Toyota Team, formato da atleti italiani appartenenti alle varie discipline Olimpiche e Paralimpiche italiane tra cui la stessa Bebe Vio, Ivan Zaytsev, (Volley), Arianna Fontana (Short Track Skating, portabandiera italiana e oro Olimpico ai Giochi di Pyeongchang 2018), Paolo Lorenzi (Tennis), Andrea Pusateri (Paracycling), Filippo Tortu (Sprinter), Anna Cappellini/Luca Lanotte(Figure Skating), Para Hockey Club Torino Tori Seduti (Paralympic Ice Hockey) Gabriele Detti (Nuoto).

14/06/2018

Cookies sul sito Toyota

Al fine di assicurarti la miglior esperienza di navigazione, abbiamo previsto l’utilizzo di cookies da parte nostra e di alcuni partner selezionati permettendo così la personalizzazione di contenuti informativi e promozionali. Se continuerai ad utilizzare il nostro sito, senza modificare le impostazioni predefinite, riterremo da Te accettato l’utilizzo dei cookies, altrimenti modifica le impostazioni dei cookies qui.

OK