Toyota partner di #Guerradiparole2019

Tema di questo anno: "L'opinione pubblica è il sale della democrazia o il dominio del populismo?”.

Sabato 23 novembre si è svolta la quarta edizione di Guerra di Parole, il duello di retorica e rap tra detenuti di San Vittore e studenti dell’Università Statale, che ha visto salire sul podio anche quest’anno la squadra dei detenuti. Il premio speciale dell’oratoria è andato a Stefania, una delle ospiti della Casa Circondariale di San Vittore.

Si è svolto a Milano, il 23 novembre 2019 presso il carcere di San Vittore #Guerradiparole 2019, il duello di retorica e rap tra detenuti di San Vittore e studenti dell’Università Statale di Milano.

Lo “scontro” di questa quarta edizione è avvenuto sul tema “L'opinione pubblica è il sale della democrazia o il dominio del populismo?” e le due squadre hanno dovuto sostenere sia la tesi a favore che, subito dopo, quella contraria, anche improvvisando al ritmo di rap, per dimostrare le loro capacità oratorie e aggiudicarsi la vittoria.

Anche quest’anno ha vinto la squadra dei detenuti. Il premio speciale dell’oratoria è andato a Stefania, una delle ospiti della Casa Circondariale di San Vittore. Toyota Motor Italia, partner dell’iniziativa per il terzo anno consecutivo, era presente con il suo Amministratore Delegato Mauro Caruccio, membro della giuria insieme a Alessandra Carli, giornalista del Tg3; Valeria della Valle, linguista; Diodato, cantante; Maupal, street artist; Fabio Novelli, Solvey Italy Communication; Simona Colarizi, storica.


“Con grande piacere sosteniamo da tre anni questa bella iniziativa perché riteniamo che il contributo alla comunità nella quale siamo inseriti debba realizzarsi attraverso forme diverse - afferma Mauro Caruccio, Amministratore Delegato di Toyota Motor Italia.

Sono rimasto davvero colpito dall’entusiasmo e dalla determinazione dei protagonisti che hanno accettato una sfida importante, mettendosi in gioco in un campo complesso come quello della dialettica, dovendo superare i propri limiti, ma anche imparando che, grazie all’arte della retorica, è possibile far valere le proprie ragioni, affermare la propria posizione nel pieno rispetto dell’altro e solo attraverso la forza delle parole e delle argomentazioni. Questa attitudine è presente anche nella filosofia di Toyota, del Kaizen, del miglioramento continuo volto al superamento costante di sfide impossibili, mettendo al centro il rispetto delle persone e l’importanza del lavoro di squadra.

Guerra di Parole rientra nella campagna globale “Start Your Impossible”, lanciata nel 2017 da Toyota, con la quale cerchiamo di dimostrare, attraverso storie di determinazione, come si possono affrontare le sfide che la vita ci pone dinnanzi e superare i propri limiti, con atti di coraggioso ma fondamentale cambiamento. Lo stesso impegno che quotidianamente ci guida nell’offrire soluzioni di mobilità sempre più innovative, efficienti e inclusive”.


“Molti pensano che la retorica sia roba da accademici, lontana dalla vita di tutti i giorni – ha dichiarato Flavia Trupia, promotrice di Guerra di parole e presidente dell’Associazione PerLaRetorica. Non è così. L'arte del dire è utile a scuola, nel lavoro e nella vita per ottenere ragione, con la forza della parola.

La retorica è fondamentale per gli studenti universitari che dovranno entrare nel mondo del lavoro. E lo è anche per i detenuti che, una volta scontata la pena, dovranno reinserirsi nella società. Iniziative come la Guerra di Parole dimostrano che la retorica dovrebbe essere reinserita nei programmi scolastici, perché non solo ci aiuta a esprimerci meglio ma, conoscerne i meccanismi e le malìe, ci vaccina contro il populismo e la manipolazione”.



La #GuerradiParole è un confronto dialettico che ha l’obiettivo di premiare la squadra maggiormente in grado di difendere la propria tesi con argomentazioni credibili e sintetiche, senza perdere la calma o insultare l’avversario. Un sofisticato esercizio di auto-controllo e di civiltà, che consiste nell’affermare le proprie ragioni solo con lo strumento pacifico della parola. Le gare di retorica hanno l’obiettivo di preparare i partecipanti ad affrontare la vita e il lavoro, contesti in cui è inevitabile confrontarsi con opinioni diverse. Le squadre sono state preparate da Flavia Trupia, Enrico Roccaforte, attore e regista, e dal rapper Amir Issaa.

Sono partner del progetto la Crui, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, la Casa Circondariale di San Vittore e l’Università Statale, insieme all’Unione Camere Penali Italiane, Camera Penale di Milano, Osservatorio Carceri Ucpi, AST Santi Paolo e Carlo, Amici della Nave, Ferpi-Federazione delle Relazioni Pubbliche Italiana.


25/11/2018

Cookies sul sito Toyota

Al fine di assicurarti la miglior esperienza di navigazione, abbiamo previsto l’utilizzo di cookies da parte nostra e di alcuni partner selezionati permettendo così la personalizzazione di contenuti informativi e promozionali. Se continuerai ad utilizzare il nostro sito, senza modificare le impostazioni predefinite, riterremo da Te accettato l’utilizzo dei cookies, altrimenti modifica le impostazioni dei cookies qui.

OK