Configura la tua Toyota Richiedi un preventivo Visualizza brochure e listini Simula il tuo finanziamento Trova un concessionario

Toyota e Grenoble

Un progetto per la mobilità sostenibile.

Grenoble da ottobre diventa “Smart City” grazie al progetto 'Citélib by Ha:mo', un sistema innovativo di Car Sharing realizzato con un veicolo al 100% elettrico interconnesso al sistema di trasporto pubblico.

  • Il sistema di trasporto urbano del futuro diventa realtà ad ottobre nella città francese di Grenoble, grazie alla partnership tra la Città di Grenoble, Grenoble-Alpes Métropole, EDF Group, Toyota e Citélib.
  • 70 Toyota "i-ROAD" e veicoli elettrici ultracompatti "COMS" verranno resi disponibili in un programma di Car Sharing, per promuovere l’interconnessione tra trasporto pubblico e trasporto privato elettrico individuale.
  • I veicoli possono essere caricati presso circa 30 stazioni di raccolta gestite dalla Sodetrel (Gruppo EDF) ubicate vicine alle fermate del trasporto pubblico.
  • Questo servizio innovativo, chiamato "Citélib by Ha:Mo",sarà testato in condizioni di utilizzo reale per un periodo di di tre anni.

Si sente spesso parlare di mobilità del futuro, di città ecofriendly, ed altre innovazioni pensate per rendere il trasporto urbano e le città dei più vivibili e organizzate nei prossimi anni. Tuttavia le applicazioni concrete sono ancora poche. Alla ripresa dell’attività scolastica, dopo l’estate, questa idea prenderà invece forma a Grenoble e nell’area circostante la città, rendendo quest’area delle Alpi Francesi una pioniera per la mobilità del futuro.

Nell’ottobre del 2014, 70 Toyota i-ROAD e veicoli ultra-compatti COMS , e circa 30 stazioni di ricarica sviluppate e gestite dalla Sodetrel, sussidiaria della EDF, saranno resi disponibili grazie ad una partnership unica tra la Città e l’Area Metropolitana di Grenoble, la compagnia di gestione dell’elettricità EDF, Toyota e una azienda locale di Car Sharing.

/

Connesso all’infrastruttura informatica del trasporto pubblico, questo nuovo sistema di Car Sharing si integrerà all’attuale Citélib, il servizio di Car Sharing disponibile già oggi a Grenoble, permettendo agli utilizzatori di questo servizio di prendere uno di questi piccoli veicoli elettrici presso una delle aree di parcheggio e lasciarlo presso un’altra. Questo sistema mira anche a promuovere l’interconnessione tra i mezzi di trasporto pubblico (tram, autobus e treni) ed una nuova modalità di mobilità individuale, utilizzando dei veicoli di dimensioni ridotte che occupano uno spazio decisamente inferiore rispetto ad una vettura.

L’idea principale è di consentire a chi si sposta facendo sempre lo stesso percorso, di percorrere i primi o gli ultimi chilometri con maggiore flessibilità e risparmiando tempo, migliorando in questo modo a ridurre la congestione dovuta al traffico e migliorando la qualità dell’aria nei centri urbani.

Citélib by Ha:mo risponde alle sfide odierne… e contemporaneamente fa risparmiare tempo

Gli ultimi trend e i recenti comportamenti dei consumatori hanno reso evidente che la richiesta di mobilità sostenibile non è un fenomeno passeggero. La sola domanda irrisolta è in quanto tempo si svilupperà questo mercato.

Indagini di mercato hanno evidenziato che in Europa il tempo di spostamento giornaliero è tra i 40 e 50 minuti. Inoltre i pendolari utilizzano i mezzi pubblici, ma molti di loro devono poi camminare per ulteriori 15 minuti per raggiungere la loro destinazione finale. Nuove tecnologie informatiche, abbinate a soluzioni innovative rivolte alla mobilità, iniziano a consentire maggiore flessibilità alla mobilità urbana, e rappresenteranno senza dubbio la pietra angolare su cui sviluppare in futuro città sostenibili.

/

Con il progetto “Citélib by Ha:mo”, si abbattono i rischi di ritardi; grazie ad una App appositamente scaricata sullo Smartphone, è possibile visualizzare quanti i-ROAD sono disponibili alla propria fermata di trasporto pubblico, prenotarlo e pagare. Una volta arrivati, tutto quello che va fatto è connettere il telefono alla stazione di ricarica e prendere l’ i-ROAD prenotato. Grenoble dispone di circa 30 stazioni di raccolta degli i-ROAD, un network sufficientemente fitto per poter raggiungere facilmente qualsiasi destinazione in città.

Una partnership unica grazie ad una visione comune sulla mobilità urbana del futuro

Unendo le rispettive competenze, I vari partner del progetto mettono a disposizione a Grenoble un servizio innovativo che consente una sperimentazione concreta di una nuova forma di mobilità.

“Grenoble-Alpes Métropole è sempre stata aperta all’innovazione” spiega Christophe Ferrari, alla direzione di Grenoble-Alpes Métropole. “Parlando in termini di grandezza della città, Grenoble è perfetta per questo tipo di test. La partnership in se stessa tra noi, Toyota, EDF e Citélib, un operatore locale di Car Sharing, è di per se un’innovazione in Francia” ha aggiunto. “È una grossa opportunità poter testare per tre anni, ed in esclusiva in tutta Europa, una nuova forma di mobilità che non è solo innovativa, ma anche economica ed ecologica.

È un esperimento che ci auguriamo sia seguito da altri, per il bene della nostra comunità”.

/

La portata ed il livello di integrazione di questo progetto implicano che non possa essere realizzato da un solo attore: la partnership e la collaborazione sono due elementi imprescindibili per il suo successo, non solo – ovviamente – tra i membri del progetto, ma anche con la comunità locale.

  • EDF non mette a disposizione solo trenta stazioni di ricarica, ma anche mezzo secolo di esperienza nello sviluppo della mobilità elettrica, sia grazie alla tecnologia delle batterie che nella gestione delle stazioni di ricarica. EDF mira ad indirizzare i suoi clienti privati, pubblici ed amministrazioni locali verso modalità di trasporto più sostenibili, che producano meno inquinamento acustico e meno emissioni di CO2. “Per diventare una città del futuro, Grenoble deve essere sia una città che attiri capitali, che gradevole da vivere. La mobilità elettrica offre una buona combinazione di entrambi gli elementi, consentendo a diverse modalità di trasporto di integrarsi tra loro. Possibilità innovative di trasporto vengono aggiunte a quelle più tradizionali, come questa dell’ “ultimo chilometro” portata avanti da questo progetto” riporta Christian Missirian, Direttore Commerciale della EDF Rhone-Alpes Auvergne.
  • Sodetel, una partecipata al 100% di EDF, aggiunge la sua considerevole esperienza al progetto: include la gestione delle stazioni di ricarica, per veicoli elettrici e veicoli elettrici Hybrid Plug-In, la gestione commerciale dei servizi di ricarica ed il servizio di Car Sharing rivolto al settore pubblico e privato.
  • Toyota mette a disposizione del progetto i 70 veicoli ultra-compatti: i Toyota COMS (posto unico, quattro ruote, un piccolo scomparto per piccoli carichi) ed i Toyota i-ROAD (due posti, 3 ruote con la Active Lean Technology). L’ultimo introduce un modo completamente nuovo e divertente di intendere la guida. Estremamente compatto, combina la manovrabilità eccezionale di un motociclo o di uno scooter al comfort ed alla stabilità di una vettura. Quattro i-ROAD occupano lo spazio di una vettura tradizionale.
  • Toyota sta anche sviluppando un sistema di data management che consente la visualizzazione e prenotazione dei veicoli. Il sistema si integra con l’attuale sistema informatico della rete dei trasporti di Grenoble, per offrire la migliore programmazione del percorso, combinando i diversi sistemi di trasporto direttamente dallo Smartphone. Citélib by Ha:mo è il secondo progetto “Ha:mo” (abbreviazione per Harmonious Mobility) di Toyota ed il primo al di fuori del Giappone.
  • “Questo concetto si adatta alla nostra visione globale della mobilità del futuro, che poggia su quattro pilastri: sicurezza, comfort, semplicità di utilizzo ed ecologia” ha commentato Michel Gardel, Vice President di Toyota Motor Europe. Ha aggiunto: “Ha:mo è stato pensato per ridurre lo stress causato dalla congestione del traffico, dalle ora di punta, e dalla ricerca di un parcheggio. Consente anche la riduzione delle emissioni che sono la causa della cattiva qualità dell’aria nei centri urbani”.
  • Citélib è stata scelta per la sua esperienza decennale nella gestione del servizio di Car Sharing. “ In aggiunta alla nostra gamma attuale, che offre veicoli da due fino a nove posti, Citélib by Ha:mo colma un gap importante per le brevi percorrenze e permette ai nostri clienti di prelevare e lasciare i veicoli in diverse località” spiega Martin Lesage, Direttore Generale di Citélib. “ Abbiamo assistito ad una crescita annua del 30% della domanda di Car Sharing, ed il nostro servizio è richiesto al 50% dai privati ed al 50% dalle Pubbliche Amministrazioni. Sostiene lo sviluppo dell’attività economica di varie parti dell’area metropolitana, e collega i Campus universitari con i Centri di Ricerca”.

Perchè Grenoble?
Grenoble è da tempo una città aperta all’innovazione. Il suo famoso Parco della Scienza "Presqu’île" è sede di prestigiose istituzioni ed aziende, come la CEA e la ST Microelectronics. Il suo slogan è “Dove noi immaginiamo la città del domani”. La sua università accoglie oltre 60.000 studenti in uno dei più moderni Campus di tutta la Francia. Nel 1987, Grenoble è stata la seconda città in tutta la Francia – dopo Nantes – a reintrodurre i tram elettrici.

Nel 2013, il trasporto pubblico è stato utilizzato dall’equivalente di 78milioni di persone. Oggi viene messa in esercizio la quinta linea di tram. All’interno del sistema di mobilità cittadina ci sono anche altri elementi volti all’ecosostenibilità, come le 5.000 biciclette “Metrovélo” ed oltre 320 chilometri di piste ciclabili.

Adesioni disponibili già da oggi
I cittadini di Grenoble possono già oggi pre-registrarsi al servizio Citélib by Ha:mo. Per chi aderisce prima dell’estate, verrà garantito un “credito di tempo” per l’utilizzo gratuito del servizio quando entrerà in esercizio ad ottobre.

La nostra e-privacy policy

Questo sito utilizza cookies di profilazione (propri e di soggetti terzi) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le Sue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.
Continuando a navigare o accedendo ad un qualunque elemento del sito, Lei accetterà l’uso e la ricezione dei cookies nel rispetto di quanto stabilito nell’ Informativa estesa.
La modifica delle impostazioni dei cookies e la possibilità di negare il consenso al loro utilizzo potranno essere effettuate utilizzando il link di cui sopra o accedendo alla sezione "E-Privacy" in fondo alla pagina.