I NOSTRI ATLETI

Dall'Italia alle Olimpiadi.
/
SCHERMA PARALIMPICA Nella sua infanzia Bebe ha perseguito tre passioni, che ha definito "le tre S": scuola, scoutismo e scherma, che ha cominciato a praticare quando aveva cinque anni. Alla fine del 2008 ha contratto una grave meningite: la necrosi ha portato all'amputazione di entrambe le gambe e le braccia. Nonostante la malattia e le sue conseguenze, è riuscita eccellere nella sua carriera sportiva, diventando una delle atlete più vincenti della sua disciplina: tre ori europei, due ori mondiali, e soprattutto il trionfo ai Giochi di Rio 2016. Supportata dai genitori, Bebe fa parte dell'organizzazione no-profit «art4sport Onlus», che promuove lo sport per i giovani disabili. Bebe è anche vincitrice dei Gazzetta Sports Awards 2018.
/
PATTINAGGIO SHORT TRACK Arianna è una delle atlete più affermate del panorama olimpico italiano. Alle Olimpiadi Invernali di Vancouver 2010 ha vinto la medaglia di bronzo nei 500 m; ai Giochi di Sochi 2014 si è aggiudicata l’argento nella stessa categoria, oltre al bronzo nei 1500 m; ai Giochi di PyeongChang 2018 è stata portabandiera azzurra e ha conquistato finalmente l'oro, sempre nei 500 m, oltre al bronzo nei 1000 m, portando a cinque il totale delle medaglie olimpiche individuali.
/
PALLAVOLO Ivan ha origini russe, ed è il capitano della nazionale italiana di pallavolo e del club italiano Modena Volley. Ha partecipato a 2 Olimpiadi, vincendo una medaglia di bronzo ai Giochi di Londra 2012 e una medaglia d'argento ai Giochi di Rio 2016, cui si aggiungonodue argenti e un bronzo ai Campionati Europei. Ivan è conosciuto e ammirato per la forte personalità con cui persegue i suoi obiettivi, dentro e fuori dal campo.
/
CICLISMO PARALIMPICO Nel 1997 perde la gamba destra in un incidente presso la stazione di Monza, durante il quale perde la vita sua madre, intervenuta per salvargli la vita. Nel 2008 comincia a correre nel paraciclismo e ottiene eccellenti risultati, diventando così parte della nazionale Italiana nel 2013. Nel 2015, dopo un nuovo incidente, reagisce ancora e vince il suo primo oro in Coppa del Mondo a Maniago.
/
NUOTO Gabriele è stato detentore del record europeo da 800 m stile libero con il tempo di 7'42''74, stabilito l'8 aprile 2014 in occasione dei Campionati Italiani, prima di conquistare due medaglia di bronzo nello stile libero alle Olimpiadi di Rio 2016, rispettivamente nei 400 metri e nei 1500 metri. Nel 2017 il successo più bello: si laurea Campione del Mondo negli 800 metri stilel ibero.
/
WCMX Nata prematura, Ilaria ha riportato complicazioni agli arti inferiori che le impediscono di camminare normalmente, costringendola a una lunga fisioterapia. Il momento cruciale della sua vita è stata la scoperta su internet di Aaron Wheelz, l'inventore della carrozzella WCMX, che l'ha spinta a diventare la prima atleta italiana di Wheelchair Motocross: una vera e propria disciplina freestyle praticata a bordo della carrozzella. Ai mondiali di Dallas del 2016 ha conquistato la medaglia di bronzo. Nel 2019 è diventata la prima atleta al mondo a eseguire un backflip sulla neve. Forte e determinata, Ilaria vuole continuare a diffondere il suo sport in Italia.
/
SKATEBOARD Decimo skater al mondo secondo il Board Global Rank, Ivan ha stupito tutti conquistando, nonostante la giovanissima età, il primo posto alle Vans Park Series nel 2016 e nel 2017. Nel 2019 entra nella storia diventando il primo europeo a conquistare la medaglia d'oro agli X Games di Minneapolis. L'ingresso dello skateboard nel programma dei Giochi Olimpici lo rende uno dei volti di punta della squadra italiana in vista di Tokyo 2020..
/
GINNASTICA ARTISTICA Vanessa è la ginnasta italiana più medagliata di tutti i tempi, capace di laurearsi campionessa del mondo ad appena 16 anni. Nonostante abbia subito ben 4 interventi chirurgici a entrambi i tendini d'achille, è stata in grado di vincere anche 4 ori agli Europei, 5 ori in Coppa del Mondo e addirittura 21 ori ai Campionati Italiani. Inoltre, con ben 10 medaglie, è la ginnasta più medagliata di sempre ai Giochi del Mediterraneo.
/
NUOTO Simona nuota da quando ha un anno. È un'autentica fuoriclasse dello stile libero, disciplina in cui ha conquistato ben tre ori agli Europei di Glasgow 2018, rispettivamente nei 400, 800 e 1500 metri. Ai mondiali di Gwangju 2019 si è ripetuta vincendo l'oro nei 1500 metri, circostanza in cui ha anche stabilito il nuovo record italiano nella specialità.
Sul sito Toyota utilizziamo i cookies

I cookies vengono utilizzati per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito, per offrire servizi e strumenti di terze parti, per aiutarci a comprendere e migliorare il funzionamento del sito e per scopi pubblicitari. Ti consigliamo di accettare tutti i cookies ma, se decidi di non farlo, puoi modificare facilmente le tue preferenze cliccando sull’opzione delle impostazioni dei cookies qui di seguito. I dettagli completi sono disponibili nella nostra informativa sui cookies.