Invenzioni spaziali: il rover lunare della Jaxa

L'energia a idrogeno sarà il propulsore
delle esplorazioni spaziali del futuro.

L'agenzia spaziale giapponese JAXA e Toyota stanno collaborando alla realizzazione di un rover alimentato a idrogeno, in grado di aiutare l'uomo a esplorare la superficie lunare, con la speranza un giorno di mettere piede anche su Marte. Nonostante disponga di una quantità minima di energia, il rover sarà in grado di percorrere più di 10.000 km.
Questo è prova del fatto che il nostro sguardo è sempre rivolto al futuro.

"Il nostro settore, che riflette costantemente sul proprio ruolo nella società, condivide le stesse aspirazioni delle missioni internazionali di esplorazione spaziale."
Akio Toyoda

Nei suoi viaggi sulla Luna, il rover sfrutterà la stessa tecnologia di celle a combustibile e idrogeno che Toyota Mirai usa qui sulla Terra, perché il futuro della mobilità migliorata e accessibile a tutti, senza alcun impatto dannoso, è già qui.

La missione

Per gli esseri umani, muoversi è come respirare: un istinto naturale. E quando siamo in piena libertà, tutto è possibile. Il progetto della JAXA sul rover lunare è un passo fondamentale per raggiungere la prosperità in maniera sostenibile e allargare gli orizzonti delle attività umane. Nell'esplorazione spaziale le collaborazioni sono fondamentali, e JAXA è felice di poter contare "sull'affidabilità e la performance di guida dei veicoli Toyota", nonché sui nostri sistemi di celle a combustibile rispettosi dell'ambiente.

rover on the moon
The rover close up

Cos'è il rover

I veicoli lunari devono affrontare numerose sfide. La gravità è solo un sesto di quella a cui siamo abituati sul nostro pianeta e la superficie della Luna è un terreno ostico, costellato di crateri, rocce e colline. Senza contare l'esposizione a radiazioni e temperature ben più rigide di quelle terrestri, nonché la presenza di un ambiente di ultra-alto vuoto. Il concetto di "mobilità spaziale" di Toyota, però, soddisfa tutti questi requisiti.

Celle a combustibile e idrogeno

Il rover della JAXA è una grande sfida e, allo stesso tempo, una conferma delle abilità ingegneristiche e dell'efficacia della tecnologia alla base del motore a idrogeno di Toyota.

"Le celle a combustibile uniscono potenza, grazie alla loro alta densità energetica, e rispetto dell'ambiente, perché rilasciano solo delle gocce d'acqua. Sono perciò particolarmente adatte per il progetto di cui stiamo discutendo con JAXA." Shigeki Terashi, vicepresidente esecutivo di Toyota.

Toyota sta sviluppando da tempo un sistema di mobilità completamente sostenibile sul nostro pianeta, basato su una combinazione di veicoli elettrici e con celle a combustibile. E per l'agenzia spaziale giapponese queste tecnologie hanno un potenziale ancora maggiore, data la loro capacità di rilasciare nell’atmosfera meno sostanze nocive, come il particolato, rispetto all'aria aspirata. Questa peculiarità, denominata "emissioni negative", è una delle caratteristiche che il programma intende migliorare ulteriormente.

.
.
.

Astronaut in rover
Cookies sul sito Toyota

Al fine di assicurarti la miglior esperienza di navigazione, abbiamo previsto l’utilizzo di cookies da parte nostra e di alcuni partner selezionati permettendo così la personalizzazione di contenuti informativi e promozionali. Se continuerai ad utilizzare il nostro sito, senza modificare le impostazioni predefinite, riterremo da Te accettato l’utilizzo dei cookies, altrimenti modifica le impostazioni dei cookies qui.

OK