Cos'è l'idrogeno?

L’idrogeno, in breve.

L’idrogeno è pulito, sicuro e praticamente ovunque intorno a noi; in realtà, è così diffuso da rappresentare circa il 70% della materia presente nell’universo. Questo vuol dire che, grazie alla sua abbondante presenza in natura, è possibile reperirlo localmente.

Come fonte di combustibile, la sua efficienza energetica è superiore dalle due alle tre volte rispetto ai motori tradizionali: significa che è possibile percorrere più strada con meno carburante. Inoltre, ottenendo come unico sottoprodotto solo acqua pura, i veicoli alimentati a idrogeno azzerano del tutto le emissioni di CO2, nonché di altri gas nocivi come HX, CO e NOx.

Come si ottiene l’idrogeno?

Nella sua forma pura, l’idrogeno è un gas non tossico invisibile e inodore, più leggero dell’aria. Ma dal momento che in natura non si trova in questo stato, per utilizzarlo è necessario prima separarlo.

Esistono diversi modi per farlo, come lo steam reforming e la gassificazione, ma il processo largamente più utilizzato in Europa è l’elettrolisi. Questo metodo consiste nel passaggio di una corrente elettrica attraverso l’acqua, con conseguente rilascio di idrogeno sotto forma di gas.

Utilizzando energia ottenuta da fonti rinnovabili, è possibile rendere questo carburante pulito ancora più green.

/
L’idrogeno e le celle a combustibile

Per trasformare l’idrogeno in elettricità, è necessaria una cella a combustibile. Il nuovo sistema di celle a combustibile sviluppato da Toyota genera energia attraverso la reazione di idrogeno e ossigeno, emettendo come scarto unicamente acqua. È un processo che avviene istantaneamente, alimentando il motore elettrico che a sua volta fornisce potenza all’auto.

/